CANTINAMENA è prima di tutto una storia di famiglia. Nel 2004 i coniugi Valeriano e Maria Rosa Mingotti, tenendo fede a un’antica promessa e spinti dalla passione per il vino, acquistano una ventina di ettari a Campoleone di Lanuvio, nella campagna romana.
L’idea è semplice: vendere uva. Nel 2012, i figli, Silvia, Enrico e Osvaldo, decidono di proseguire il sogno trasformando l’intuizione imprenditoriale dei genitori in Società Agricola Mingotti, una realtà strutturata con tutte le carte in regola per affermarsi sul mercato.
Idee chiare, solidità, entusiasmo e dedizione sono la base del saper fare Mingotti. Ecco allora che i rossi, i bianchi e i rosati CantinAmena dimostrano di avere carattere e personalità sin dalla prima annata. Segnano il passo di un cammino avvincente e vincente!
Le uve sono coltivate senza l’aiuto di sostanze chimiche. Vengono raccolte a mano, per essere poi vinificate con procedimenti naturali senza additivi. Una sfida precisa, impegnativa e stimolante, supportata dalla serietà di un team che si schiera in prima linea, accanto ai fratelli Mingotti.

Cantinamena_021

Antica leggenda vuole che Bartolomeo Bortolomiol nel lontano 1700, si stabilisse a Valdobbiadene, dando vita all’attività di coltivazione della vite e a quella di forgiatura del ferro e produzione di chiodi. Proprio per quest’ultimo motivo, questa stirpe venne soprannominata i “CIODET”. Una casata da sempre impegnata in un’attenta vinificazione delle uve e spumantizzazione dei vini del territorio Valdobbiadenese. Negli ultimi anni, Enrico e Alberto hanno iniziato un processo di ammodernamento tecnico, logistico e commerciale, con l’unico obiettivo: la qualità.


“Volevamo muovere le mani, volevamo essere artigiani” Così nel 1995 Monica e Giorgio decisero di acquistare Il Palagione, bellissima proprietà situata a San Gimignano, ora di 50 ettari, di cui circa 17 vitati, inclusiva di un’antica casa colonica del 1500. La produzione dei vini tipici della zona come la Vernaccia di San Gimignano e il Chianti Colli Senesi è rigorosamente biologica certificata. E ineguagliabile degustare i vini nell’antico fienile.

L’azienda MASO MARTIS, una piccola azienda a conduzione familiare situata a Martignano, vicino a Trento, ha da subito dedicato la sua attività quasi esclusivamente all’arte di produrre vini spumanti metodo classico Trento DOC. Il metodo classico è ciò che essi amano e la miglior espressione del territorio trentino. Poiché i titolari, la famiglia Stelzer, vivono nella casa nel cuore dei loro vigneti, per loro il passaggio alla viticoltura biologica è stato la naturale conseguenza del loro modo di vivere che mira alla qualità della vita.

La tenuta PALAZZONA DI MAGGIO è situata sulle colline di San Pietro di Ozzano Emilia, a metà strada tra Bologna e Imola. Negli anni ’60, Luigi Perdisa piantò ampie superfici di Sangiovese e Albana affiancandole ad alcuni vitigni internazionali come Cabernet Franc, Chardonnay, Merlot. Da allora, la famiglia Perdisa coltiva con grande rispetto della natura i propri vigneti e produce vini di qualità con le più innovative pratiche agronomiche ed enologiche, ma con i piedi ben piantati nella tradizione.
La tenuta, di proprietà della famiglia da quattro generazioni, è dominata dalla villa settecentesca da cui prende il nome, in una zona di grande rilievo storico e paesaggistico, nelle vicinanze del borgo Medioevale di San Pietro.

famiglia-perdisa

Podere l’Assunta è situato in località Poggiolo, sulle colline che guardano il castello di Monteriggioni e sud verso Siena ad una altitudine di 600 mt sul livello del mare. Le caratteristiche di esposizione e clima sono ottimali e ciò viene dimostrato dall’origine medievale del vigneto da cui nasce Il Costa del Pievano, un puro Sangiovese che interpreta il terroir in modo del tutto naturale.

Situata ai piedi del monte Morrone, nel cuore dell’Abruzzo, TENUTA SECOLO IX ha mantenuto un forte legame con il territorio e con i propri tratti distintivi, tra cui la riscoperta della coltivazione del moscatello. La maestria e la sapienza che hanno caratterizzato le produzioni del vino e dell’olio nel passato, si sono tramandate fino ad oggi, e sono proprio queste che conferiscono un valore aggiunto che sa di impegno, ricerca e dedizione, e che è riconoscibile nei loro prodotti.
L’azienda è in regime di agricoltura integrata, per ridurre al minimo il ricorso a mezzi tecnici che hanno un impatto sull’ambiente o sulla salute dei consumatori. L’obiettivo è trasferire tutto ciò che c’è di buono nei grappoli nel calice, in maniera semplice, nel massimo rispetto della materia prima.

37237417_1853386408302967_4390468032720273408_o

Tomisa è una giovane azienda biologica a conduzione familiare. Sono 15 gli ettari di vigneto situati sulle colline bolognesi e precisamente nel Parco dei Gessi bolognesi e dei Calanchi dell’Abbadessa, un terroir dove il terreno gessoso è la caratteristica peculiare e il luogo è particolarmente vocato per il Pignoletto (vitigno Grechetto gentile) così come per altre varietà quali  Barbera, Cabernet Sauvignon e Merlot.

In mezzo ai vigneti si staglia la presenza importante e potente del bellissimo cipresso di 200 anni di età che Donatella e la famiglia hanno scelto ad emblema aziendale: un albero tutelato e protetto che a sua volta da forza e protezione ai vigneti che si inerpicano per la collina sopra alla nuova cantina.

IMG-20220810-WA0032 (002)